Utensili Speciali

UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Perché parliamo di utensili speciali? Cosa sono? Gli utensili speciali trasformano la tua DeLorean nella macchina del tempo di cui hai costantemente bisogno. Infatti sono punte che vengono usate quando ci sono criticità particolari come la necessità di accorpare più lavorazioni in un’unica stazione di lavoro. Questo capita perché in macchina c’è poco spazio in termini di stazioni lavorative, per esempio. Un utensile standard è in grado di fare una e una sola lavorazione. Un utensile speciale può allargare, forare, rifinire e chi più ne ha, più ne metta abbattendo drasticamente le tempistiche.

Oltre al discorso legato ad una migliore qualità delle lavorazioni rispetto ad un utensile standard, è necessario passare ad un utensile speciale anche quando hai criticità di materiale perché può essere difficile da lavorare o una configurazione particolare della macchina stessa. Se poi ci aggiungiamo il fatto che hai bisogno di raggruppare più utensili possibili, cosa aspetti? Te lo sta dicendo il Dottor Emmett Brown, non il primo scienziato pazzo scappato di casa.

So già quali sono le tue difficoltà. Sono sempre quelle. Per iniziare mi mandi un pezzo di carta con disegnato un utensile con su scritto poco o niente perché il tuo ufficio tecnico non ha tempo di realizzare un disegno vettoriale quotato a dovere, senza alcuna indicazione di materiale, senza alcuna indicazione di presenza/assenza di lubrificazione. Capita sempre, non è un problema! Non sei una mosca bianca!

Ormai sono abituata, mancano sistematicamente dei dati. Dove dovrà lavorare questo utensile? Su un centro di lavoro? Su un plurimandrino? Lavori da barra? Il materiale è pieno? È una pressofusione?

Continua a Leggere >

CHI È LAURA?

Ben trovato, sono Laura Monguzzi.
dal primo giorno di lavoro nel 1980 sono a contatto con il mondo della meccanica e
ancora oggi è il mio pane quotidiano.
Di fatto, il mio focus è sulla conoscenza nei minimi dettagli di come nasce, cresce e
invecchia una macchina transfer.
Chiaramente, come ogni oggetto della meccanica il tempo può essere un nemico per lo
più delle volte imbattibile.
Tutto poi dipende da come un possessore di un transfer lo accudisce durante il suo ciclo
di vita.
Tendenzialmente gli approcci sono questi:

  1. Faccio lavorare il transfer a pieno regime come se non ci fosse un domani, cambiando
    quando mi pare oli o componenti, evitando i fermi macchina;
  2. Utilizzo il transfer con accuratezza dedicando tempo alla manutenzione preventiva
    allungando il suo ciclo di vita.

Quali sono i risultati finali di queste due differenti scuole di pensiero nella gestione
di una macchina transfer?

Continua a Leggere >

“I 5 MODI PER CAPIRE CHE IL TUO TRANSFER STA SALTANDO PER ARIA”

Scarica Subito il Bonus Gratis che ho preparato per te.

Scarica Gratuitamente